Henri Cartier-Bresson - Corsi di Fotografia
Logo i grandi fotografi

Henri Cartier-Bresson è considerato da molti un fotografo di strada, ma in realtà si considerava un artista della fotografia. 

Nato a Chanteloup-en-Brie, in Francia, nel 1908 da un ricco commerciante di tessuti, Henri Cartier-Bresson era il maggiore di cinque figli. Sua madre, Marthe, lo ha avvicinato al mondo delle arti, portandolo spesso a visitare il  Louvre di Parigi, partecipando a concerti di musica da camera e leggendogli regolarmente poesie.

Suo padre, Andre, era un uomo molto severo, consumato dal ruolo di padre dedito al lavoro e in particolare alla sua sua impresa tessile di successo. In risposta alla mancata presenza di suo padre totalmente assorbito dal mondo degli affari, Henri giurò in tenera età di non seguire mai le orme di suo padre.

Henri Cartier-Bresson è considerato da molti un fotografo di strada, ma in realtà si considerava un artista della fotografia.

Henrie Cartier-Bresson e la pittura

La pittura catturò l’interesse di Henrie Cartier-Bresson quando aveva solo cinque anni. Suo zio, Louis, era un pittore affermato e vincitore del Prix de Rome nel 1910. I due trascorsero molte ore insieme nello studio di Louis e Henri iniziò a riferirsi a suo zio come al suo “mitico padre”.

L’apprendistato di Cartier-Bresson nello studio di suo zio terminò bruscamente e tragicamente quando Louis fu ucciso durante la Grande Guerra; il giovane Cartier-Bresson perse anche i suoi due fratelli in quella guerra.

Henri Cartier-Bresson continuò a dipingere da solo e, tra la pittura e la lettura, trovò una via di fuga dal tumulto del mondo reale. Alla fine, i suoi genitori assunsero due tutor d’arte per istruirlo mentre frequentava la scuola cattolica.

Sebbene la fotografia non fosse ancora di particolare interesse per Henrie Cartier-Bresson in quel momento, guardò diversi film, inclusi quelli seminali di D.W. Griffith e Erich von Stroheim, che si sarebbero rivelate fonti di ispirazione critiche quando iniziò a produrre i suoi film dopo la seconda guerra mondiale.

Henrie Cartier Bresson
Henrie Cartier-Bresson

“Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere.”

Nonostante le aspirazioni del padre di far frequentare al figlio la più prestigiosa business school francese, Henrie Cartier-Bresson ha fallito tre volte l’esame di ammissione al baccalaureate.

Nel 1926 lasciò casa per studiare all’accademia d’arte privata dello scultore e pittore cubista francese Andre Lhote, a Montparnasse. Lhote sosteneva di combinare l’estetica dei cubisti con le convenzioni tecniche dei pittori neoclassici francesi come Poussin e David, che pensava avrebbero collegato il modernismo alla tradizione.

Lhote e i suoi studenti facevano frequenti viaggi al Louvre per studiare le opere dei maestri antichi e le opere di notabili rinascimentali come Jan van Eyck e Piero della Francesca impressionarono il giovane pittore in erba.

Quelle esperienze contrastavano con le visite degli studenti alle gallerie di Parigi dove assorbivano l’arte contemporanea. Combinando il meglio del vecchio e del nuovo, Lhote è diventato per Henrie Cartier-Bresson un insegnante di “fotografia senza macchina fotografica”.

Ha anche studiato per un breve periodo ritrattistica con Jacques-Emile Blanche, il ritrattista di società.

Hyères Francia 1932
Hyères Francia 1932

Cartier-Bresson trascorse un anno – dal 1928 al 1929 – studiando arte e letteratura e anche inglese al Magdalene College dell’Università di Cambridge in Inghilterra. Nel 1930, fu costretto a lasciare gli studi quando fu arruolato nell’esercito francese e si stabilì a Le Bourget, appena fuori Parigi.

Tornato in Francia, è stato introdotto a importanti contatti nei circoli artistici francesi, tra cui lo scrittore surrealista, René Crevel, dal suo ex tutore d’arte. I due andarono d’accordo e Crevel e Cartier-Bresson frequentarono presto la vivace scena dei caffè parigini e si divertirono nell’eccitante vita notturna della capitale con altri surrealisti.

Henri era attratto dal noto nichilismo di Crevel, dalla sua aria di ribellione e dalla sua dedizione alla filosofia delineata nel manifesto surrealista.

L’espressione spontanea del surrealismo e la dipendenza dall’intuizione hanno indotto Cartier-Bresson ad aggiungere tali idee ai suoi esperimenti. Attraverso Crevel, Cartier-Bresson ha incontrato il fondatore del Surrealismo, André Breton, così come Max Ernst, Marcel Duchamp e Man Ray.

Durante quel periodo, Cartier-Bresson si era anche incuriosito dalla filosofia e dalla letteratura contemporanea e aveva letto avidamente opere di pensatori come Schopenhauer, Nietzsche, Dostoevskij, Rimbaud, Proust, Mallarmé, Freud, Marx ed Engels.

Henrie Cartier-Bresson
Henrie Cartier-Bresson – Le gambee di Martine

Henri Cartier-Bresson e i primi viaggi

Nel 1931, dopo aver adempiuto ai suoi obblighi militari, durante i quali aveva letto il romanzo di Joseph Conrad, Cuore di tenebra (1899), Cartier-Bresson si recò in Costa d’Avorio nell’Africa coloniale francese con l’idea di sfuggire alle restrizioni della vita cittadina e vivere un’avventura.

Sopravvisse cacciando, sparando alla selvaggina e poi vendendo la carne agli abitanti del villaggio. Avendo acquistato una macchina fotografica prima di partire per l’Africa, Cartier-Bresson ha scattato fotografie con la sua macchina fotografica Krauss di seconda mano.

La sua avventura di un anno si è conclusa quando Henri ha contratto la febbre nera, una malattia parassitaria che lo ha quasi ucciso. Le sue condizioni peggiorarono tanto da inviare a questa famiglia una cartolina in cui esponeva le sue ultime volontà.

Cartier-Bresson tornò in Francia nel 1931, convalescente prima a Marsiglia. Per caso, vide la fotografia Three Boys at Lake Tanganiyka (c. 1929) del fotografo ungherese Martin Munkacsi, di tre ragazzi che corrono nudi contro le onde su una spiaggia africana.

L’immagine dei loro corpi stagliati ha catturato un momento così sorprendentemente che Henri è stato ispirato a perseguire la fotografia con una serietà che era stata assente nel suo precedente dilettarsi con il mezzo. Ha ricordato l’esperienza, dicendo:

“Ho capito improvvisamente che la fotografia può fissare l’eternità in un momento. È l’unica foto che mi ha influenzato. C’è una tale intensità in questa immagine, una tale spontaneità, una tale gioia di vivere, una tale ‘miracolosa’, che ancora oggi mi sconvolge.”

Three Boys at lake Tanganyika
Martin Munkacsi – Three Boys at Lake Tanganiyka

Henri Cartier-Bresson e la fotografia

Il successo e la qualità del suo lavoro non passo di certo inosservato e dopo pochi anni divenne il fotografo ufficiale del gruppo del Sierra Club. Il rapporto con questa organizzazione durerà per tutta la vita anche quando le sue fotografie lo avevano reso un fotografo apprezzato a livello mondiale, e in diverse occasione continuò la sua militanza con capo organizzatore durante le numerose gite.

Straordinario documentario su Henrie Cartier-Bresson all’opera

Dal 1932 al 1933 viaggiò attraverso l’Europa e l’Africa con la sua macchina fotografica in compagnia di amici e poi vagò in Messico per gran parte del 1934. Mentre un buon numero delle fotografie che ha prodotto durante quel periodo di tre anni sono state commissionate per pubblicazioni, Cartier -Bresson aveva anche iniziato a compilare un portfolio per la mostra.

Cartier-Bresson ha brevemente messo da parte la fotografia per diventare un regista. Poco prima della seconda guerra mondiale, si recò a New York dove trascorse un anno imparando i principi del montaggio dal fotografo modernista Paul Strand e tenne la sua prima mostra fotografica alla Julien Levy Gallery nel 1935.

Tornò a Parigi nel 1936 determinato a catturare il peggioramento dell’Europa clima politico nelle immagini in movimento. Dopo che GW Pabst e Luis Bunuel rifiutarono le sue offerte di aiuto, si unì a Jean Renoir per lavorare a un film di propaganda per il partito comunista. Il film, La vie est à nous (La vita è nostra) (1936), attaccava le principali famiglie che controllavano la Francia.

Un successivo film di Renoir, La Regle du Jeu (Le regole del gioco) (1939), in cui Cartier-Bresson interpretava un maggiordomo inglese, ormai un classico, era una commedia satirica che esaminava le relazioni tra gli aristocratici e i loro servi.

Cartier-Bresson ha successivamente realizzato tre documentari a sostegno della Spagna repubblicana. Nel 1937, torna alla fotografia quando entra a far parte dello staff del giornale comunista di nuova fondazione, Ce Soir, insieme a Robert Capa e David “Chim” Seymour.

henri cartier-bresson seville spain 1944 wall hole children playing
Straordinario documentario su Henrie Cartier-Bresson all’opera

Con l’inizio della seconda guerra mondiale, Cartier-Bresson si arruolò nell’esercito francese come fotografo. Nello stesso anno fu fatto prigioniero e mandato in un campo di lavoro tedesco.

Dopo aver trascorso tre terribili anni nel campo, riuscì a fuggire al suo terzo tentativo. Tornò alla fattoria dei Vosgi dove aveva precedentemente seppellito la sua Leica e vi rimase fino alla fine della guerra.

Alla fattoria conobbe la sua prima moglie, Ratna Mohini; ha anche continuato le attività di resistenza clandestina con il Movimento nazionale dei prigionieri di guerra e dei deportati (MNPGD) con la fattoria come base di partenza.

Quando giunse alla radio l’annuncio che le forze alleate erano sbarcate in Normandia, si recò con Roberto Capa a Parigi per seguire la liberazione della città dall’occupazione tedesca.

Capa aveva scattato alcune delle fotografie più emblematiche dell’invasione alleata del D-Day a Omaha Beach e, forse, della seconda guerra mondiale in generale, intitolate The Magnificent Eleven. In effetti, i due uomini erano responsabili di fornire alcune delle immagini più memorabili dell’agonia della devastante guerra. Cartier-Bresson creò in seguito un film sul ritorno dei prigionieri di guerra francesi intitolato Le Retour (1946). Insieme, Cartier-Bresson e Capa hanno definito il fotogiornalismo di guerra.

La nascita della Magnum Photo

Nel 1947, Cartier-Bresson ha co-fondato Magnum Photos insieme ai colleghi fotografi Capa, Seymour e George Rodgers. L’agenzia ha contribuito a proteggere gli interessi dei fotografi, i legittimi proprietari dei loro negativi e tutti i diritti di riproduzione. I membri fondatori di Magnum si sono divisi e hanno girato il mondo con Cartier-Bresson documentando l’Asia.

Non lavorando più sotto contratto per riviste, Cartier-Bresson ha dovuto cercare lavoro da solo. Il suo impegno politico era decisamente di sinistra e si dedicò alla fotografia giornalistica, in particolare nell’interesse della stampa comunista.

Il suo lavoro in Asia includeva la documentazione della transizione comunista in Cina, la spartizione del Pakistan e la morte del Mahatma Gandhi.

Nel 1950 gli viene assegnato l’US Camera Prize per il miglior reportage dell’anno per la sua copertura su Gandhi e un altro premio dal prestigioso Overseas Press Club per le sue foto scattate a Nanchino e Shanghai.

Cremazione di Mohamad Gandhi - Delhi - Gennaio 1948
Cremazione di Mohamad Gandhi – Delhi – Gennaio 1948

Il momento decisivo

Uno degli eventi più determinanti della sua carriera fu la pubblicazione di un libro del suo lavoro intitolato The Decisive Moment, nel 1952. La copertina del libro è stata progettata dal suo amico, Henri Matisse, e le 126 foto in esso contenute sono state tratte dal suo crescente portfolio di immagini da tutto il mondo.

Ha spiegato come era arrivato al titolo citando il chierico e agitatore politico del XVII secolo, il cardinale de Retz: “Il n’y a rien dans ce monde qui n’ait un moment decisif” ( ” Non c’è niente in questo mondo che non ha un momento decisivo“).

Molto più che il semplice titolo della sua prima pubblicazione importante, la frase divenne la sua ragion d’essere estetica.

Ha spiegato:

“Per me, la fotografia è il riconoscimento simultaneo, in una frazione di secondo, del significato di un evento, nonché di una precisa organizzazione delle forme che danno a quell’evento la sua giusta espressione”

henri cartier bresson attimo decisivo
Henri Cartier-Bresson – Il momento decisivo

Il libro “Il momento decisivo” è stato il culmine degli sforzi di Cartier-Bresson con il suo amico E. Teriade. Teriade aveva in programma di pubblicare più libri con Cartier-Bresson e altri importanti fotografi, ma la seconda guerra mondiale gli permise solo di pubblicare un altro libro con Cartier-Bresson: The Europeans (1955).

Al momento della sua prima mostra in Francia nel 1955, tenutasi al Pavillion de Marsan nel prestigioso Museo del Louvre a Parigi, Cartier-Bresson aveva acquisito fama internazionale, non ultimo per i suoi candidi ritratti di personaggi come William Faulkner, Truman Capote , Man Ray, Marcel Duchamp e molti altri.

La sua seconda moglie ricordò in seguito che la sua popolarità come ritrattista e la capacità di ottenere il massimo da ogni situazione erano la chiave del suo successo.

Non ha mai rifiutato di farsi presentare a nessuno, ha sempre avuto sensibilità con chi parlava (che fosse un sovrano o un povero), e in definitiva era molto legato a molte persone importanti; tutti questi attributi gli hanno permesso di accedere a foto che nessun altro fotografo poteva eguagliare.

Per i successivi 10 anni ha continuato a viaggiare per il mondo, spesso nel contesto della guerra o delle sue terribili conseguenze, dal Messico agli Stati Uniti, dalla Cina al Giappone, dall’India all’Unione Sovietica.

Inoltre, ha avuto la particolarità unica di essere il primo fotografo occidentale a scattare fotografie nell’Unione Sovietica dell’era della Guerra Fredda.

Il ritiro dalla scena

Nel 1966, Cartier-Bresson lasciò Magnum e si ritirò dalla fotografia. Nel 1970, ha divorziato dalla storica moglie per risposarsi  con la collega fotografa, Martine Frank. La coppia aveva una figlia di nome Melanie. Henri non viaggiò più per il mondo, ma si dedicò invece ad essere un padre.

Con il suo ritiro dalla fotografia smise persino di scattare foto, se non per realizzare ritratti privato di tanto in tanto. Decise persino di portare in giro la sua macchina fotografica, che era stata come un’estensione del suo corpo per gran parte della sua vita adulta; tenne la macchina fotografica in una cassaforte dove rimase, poco usata, per gli ultimi anni della sua vita.

Riprese a dipingere, applicando un’estetica affinata nel corso di una vita trascorsa a fotografare.  Verso la fine della sua vita, Cartier-Bresson sviluppò persino una certa riluttanza a discutere di fotografia, il mezzo che era stato il lavoro della sua vita.

Henri evitava anche le interviste e desiderava non avere alcun ruolo nell’essere un curatore, archivista o persino un commentatore della propria fotografia. Nel 2003 ha creato la Fondazione Henri Cartier-Bresson con sua moglie e sua figlia. Il 3 agosto 2004 muore a Cereste, in Francia.

Maximiliano Fagioli

Maximiliano Fagioli

Fotografo

Fondatore e docente di Corsi di Fotografia, da circa 10 anni si occupa di formazione nel campo della fotografia con all’attivo più di 30 corsi con oltre 500 studenti. Ritrattista e fotografo di matrimonio fa della fotografia un prezioso strumento artistico e di comunicazione.